Archivi categoria: ambiente

Trivellazioni in Italia

Sapete che il 17 aprile 2016 ci sarà un referendum sulle trivellazioni? (*) Non so quanto ne hanno parlato i giornali e le televisioni, perché leggo pochi giornali e raramente seguo la televisione.

Il 5 aprile 2016 è stato fatto un aggiornamento in questo articolo. Si consiglia la lettura della parte successiva ai collegamenti a pagine esterne.

Cosa chiede il referendum? Devo premettere che il referendum del 17 aprile riguarda solo le trivellazioni in mare fino a 12 miglia marine dalla costa, e solo le trivellazioni già in corso. Nella zona interessata, le nuove trivellazioni sono vietate e continueranno a essere vietate, indipendentemente dal referendum del 17 aprile. In terra, salvo zone protette, le trivellazioni continueranno a essere consentite, così come in mare oltre 12 miglia marine dalla costa. Se vince il sì, le trivellazioni dovranno cessare alla scadenza delle concessioni, e non sarà possibile prorogare le concessioni nella zona interessata. Se vince il no, le concessioni potranno essere prorogate fino all’esaurimento di gas nel giacimento.

Io ho letto vari articoli, di conseguenza conosco le ragioni di entrambi i fronti, e capisco le ragioni di entrambi i fronti, così come capisco gli indecisi.

Una volta ero per il sì, mentre ora sono per il no. Voterò perché mi sembra giusto votare, ma farò la X sul no, per motivi che spiegherò fra poco.

ragioni del no al referendum sulle trivellazioni
immagine presente nel blog «Il ventunesimo secolo»

Anche se io sono per le fonti energetiche rinnovabili, so che non si può passare da una fonte energetica a un’altra con uno schiocco di dita. Per costruire una nuova centrale ci vuole tanto tempo. Qualcuno dirà che da anni si sapevano certe cose, di conseguenza si poteva pensare prima a investire sulle fonti rinnovabili; sono d’accordo, ma i governi hanno fatto diversamente.

A causa di decisioni sbagliate di vari governi italiani, l’Italia dipende molto da fonti energetiche non rinnovabili, tra cui il gas. Se vince il sì, l’Italia dovrà importare maggiori quantità di gas, con svantaggi per l’economia italiana. In più, mi risulta che alcune compagnie petrolifere italiane hanno intenzione di trivellare il Mozambico in caso di vittoria del sì; in questo modo, l’Italia prenderebbe gas dal Mozambico mentre il Mozambico sarebbe a rischio ambientale. È facile fare i froci col culo degli altri.

Anche se io tengo molto all’ambiente, voterò no al referendum del 17 aprile.

Anche se ho deciso di votare no, voglio che tutti conoscano le ragioni di entrambi i fronti, pertanto pubblicherò collegamenti a pagine di entrambi i fronti.

Pagine esterne relative al referendum sulle trivellazioni

Il Sole 24 Ore

MeteoWeb

Radio Popolare

Greenpeace

No Triv

Il Tempo

Io Donna

Rinnovabili

Internazionale

Lifegate

Vita

Meridionews

Contropiano

4live

 

Aggiornamento del 5 aprile 2016

Ieri ho saputo un po’ di cose interessanti, e mi sento in dovere di parlarne qui.

Ho notato che nessuno ha interesse a informare i cittadini sulle conseguenze del referendum nei tre casi (vittoria del sì, vittoria del no, fallimento del referendum). Ogni schieramento dà informazioni incomplete o fuorvianti per convincere gli altri a votare in un certo modo o in un altro.

All’inizio ero per il sì, poi per il no; ora non lo so. Sicuramente voterò, perché non voglio che il referendum fallisca, qualunque sia la volontà di chi vota. Odio le campagne per l’astensionismo. Io abolirei il quorum per i referendum, ma di questo parlerò in un altro articolo.

Dicono che il petrolio e il gas di produzione italiana sono una piccola parte rispetto al consumo di petrolio e gas in Italia, di conseguenza il traffico di petroliere aumenterebbe di poco nei mari italiani. In più, alla scadenza della concessioni, il petrolio e il gas nel giacimento sarebbero una piccola quantità, che non varrebbe la pena estrarre, almeno così ho letto in alcuni articoli. Se tali articoli dicono la verità, io mi schiero di nuovo con il sì.

referendum trivellazioni estrazioni
immagine presente in una pagina di Greenreport

È vero che il referendum riguarda solo la parte di mare fino a 12 miglia marine dalla costa, ma la vittoria del sì darebbe un segnale al governo italiano. Ovviamente il governo italiano potrebbe comunque concedere di trivellare il fondo marino oltre 12 miglia dalla costa, ma i cittadini possono tranquillamente raccogliere cinquecentomila (500000) firme per un referendum riguardante tutto il mare italiano, oppure tale referendum può essere chiesto dai consigli regionali, come è successo per il referendum che verrà fatto il 17 aprile.

Dicono che la vittoria del sì non farebbe perdere posti di lavoro; se è vero, mi schiero con il sì, ma gradirei sapere perché la vittoria del sì non farebbe perdere posti di lavoro. Se le piattaforme chiudono, dove va la gente che ci lavora? Troverà un altro lavoro?

Io sono a favore delle fonti rinnovabili, e spero che il governo italiano investa sempre di più su tali fonti, ma cosa facciamo mentre aspettiamo la totale indipendenza da fonti non rinnovabili?

Dicono che certe attività sul fondo del mare portano all’inabissamento di certe zone costiere, di conseguenza tali attività sono state vietate in alcune zone del Mare Adriatico, anche se non in tutte ovviamente. Se è così, mi schiero di nuovo con il sì.

Dicono che la presenza di piattaforme petrolifere danneggia il turismo; mi sembra logico, anche se tanta gente fa il bagno in mari sporchi, ma questo è un discorso che forse è meglio fare in un altro articolo. È interessante la campagna di Trivadvisor, che ovviamente si ispira a Tripadvisor.

(*)Su una cosa dò ragione al fronte del no: ho usato impropriamente il verbo trivellare. La trivella serve per scavare il buco nel terreno, poi viene messa la tubatura per estrarre il petrolio o il gas, ma la trivella non si usa più, almeno non dove stiamo estraendo.

Ulteriori pagine su trivellazioni ed estrazioni di petrolio e gas

Qualenergia

Greenreport

Raccolta differenziata dei rifiuti

Oggi ho ritirato il kit per la nuova raccolta differenziata. Cosa cambia rispetto alla vecchia raccolta differenziata? Alcune cose mi piacciono, mentre altre mi irritano.

Ho notato con molto piacere che ora è possibile raccogliere i rifiuti organici separatamente dai rifiuti di altro tipo, come già si faceva in altre città; non so se si faceva in altri municipi di Roma, ma nel nuovo VII municipio (ex IX e X) non si faceva.

Mi irritano alcune cose che stanno scritte nel libretto di istruzioni. Dicono che nessun materiale deve essere lasciato fuori dai cassonetti; sarei perfettamente d’accordo se non ci fosse un «piccolo» particolare: certe volte i cassonetti sono pieni, di conseguenza è impossibile inserire altri rifiuti. Con che frequenza vengono svuotati i cassonetti?

Cos’altro mi irrita? Per quanto riguarda vetro, plastica e metalli, c’è scritto di svuotare e sciacquare i contenitori. Stiamo scherzando? Noi cittadini possiamo anche svuotare i contenitori, ma perché dobbiamo sciacquarli? Perché non lo fanno gli operatori ecologici? Per cosa paghiamo le tasse sullo smaltimento dei rifiuti? La cosa che mi fa più schifo è che lo stesso contenitore viene usato per vetro, plastica e metalli; non so se ora cambia qualcosa; forse ora il vetro viene separato, ma plastica e metalli restano insieme, almeno secondo un foglietto contenuto nel kit per la raccolta differenziata. Se gli operatori ecologici possono fare la fatica di separare la plastica dai metalli, perché non possono fare la fatica di sciacquare i contenitori?

Un’altra cosa irritante riguarda la raccolta dei farmaci scaduti. Viene consigliato di eliminare le scatole e i foglietti illustrativi prima di inserire i farmaci nel contenitore; spero che almeno non venga imposto. In ogni caso, non capisco dove sta scritto che gli operatori ecologici non possono fare questa fatica al posto dei cittadini.

So che a Roma si producono tanti rifiuti. Abitando a Roma, vedo che certe strade sono piene di rifiuti, e non solo le strade; anche prati e giardini. Secondo me, i vigili dovrebbero multare chi lascia i rifiuti per terra, salvo estrema necessità. I vigili potrebbero chiudere un occhio se i rifiuti vengono lasciati vicino ai cassonetti, ma non se vengono lasciati in un prato o in un giardino. Tra l’altro, mi fa schifo la gente che va in giro con il cane e poi non raccoglie le cacate. Per come la vedo io, quella gente dovrebbe essere multata pesantemente.

Tornando al problema della produzione di rifiuti, secondo me sarebbe utile vendere tante cose sfuse, in modo da incentivare i clienti a portare da casa il proprio contenitore; questo sì che incentiverebbe a lavare i contenitori dopo l’uso. Per esempio, se il succo di limone finisce, potrei portare il contenitore al negozio, che a sua volta mi venderebbe altro succo di limone e lo metterebbe direttamente nel contenitore; la stessa cosa si potrebbe fare per saponi, dentifrici, eccetera.

Per quanto riguarda i cassonetti, mi piacerebbe sapere perché non mettono pozzi come quelli che ho visto in alcune città spagnole. Tali pozzi non si riempirebbero, in quanto al piano di sotto ci sarebbe sempre qualcuno che controlla la quantità di rifiuti e porta via i rifiuti prima che venga raggiunto un livello troppo alto. Capisco che a Roma è difficile scavare, in quanto ci sono resti antichi, ma forse non tutti i quartieri sono così.

pozzi per la raccolta differenziata dei rifiuti a Gran Canaria
pozzi per la raccolta differenziata dei rifiuti a Gran Canaria

 

Messina senza acqua

Ricordate il mio articolo sull’acqua pubblica? Ora parlerò di Messina, che è stata senza acqua per vari giorni; non so quanti giorni, ma troppi per i miei gusti, soprattutto in un paese come l’Italia.

Messina senza acqua
immagine presa dal Fatto Quotidiano

Ho saputo di questo fatto alcuni giorni fa. Ho aspettato a scrivere per gli stessi motivi per cui ho ritardato la scrittura dell’articolo sul Rio Doce inquinato. Poiché non ricevo niente, a parte i pochi soldi che Altervista mi darà quando avrò raggiunto la soglia minima, scrivo solo quando mi va.

Messina senza acqua
immagine presa dal Fatto Quotidiano

Secondo vari articoli che ho trovato in Internet, a Messina si è rotto un tubo che portava acqua ai cittadini, di conseguenza i cittadini hanno dovuto fare la fila per farsi riempire le taniche di acqua potabile.

Messina senza acqua
immagine presa da TempoStretto

Non so se le autorità competenti hanno fatto partire i lavori nei tempi giusti; forse potevano fare tutto più velocemente. Mi risulta che un intervento di Fiorello in Internet ha portato i giornali nazionali a parlare del problema idrico messinese, altrimenti solo i giornali locali ne avrebbero parlato. Se lo stesso problema si fosse verificato a Roma, i giornali nazionali ne avrebbero parlato sùbito? Il problema si sarebbe risolto velocemente? Non lo so, ma è evidente che il governo italiano è troppo lento nel risolvere i problemi dei cittadini.

Messina senza acqua
immagine presa da La Stampa

Tra l’altro, ho letto che a Messina c’erano fornitori privati che vendevano acqua potabile a caro prezzo, approfittando delle necessità dei cittadini. Non so se quei fornitori sono stati puniti, ma non avrebbero lavorato neanche un giorno se il governo italiano e il comune di Messina avessero mandato immediatamente un numero sufficiente di autobotti per fornire acqua potabile a tutti i cittadini.

Alcuni messinesi dicevano che sembrava di stare in guerra.

Secondo me, ha ragione Lambrenedetto XVI quando dice che l’Italia è un paese del terzo mondo.

Ulteriori pagine esterne sul problema idrico di Messina

Gazzetta del Sud

ANSA

Repubblica Palermo

TempoStretto

Disastro ambientale in Brasile

Ultimamente c’è stato un disastro ambientale in Brasile, ma in Italia se ne parla poco; non so perché. Si è parlato molto dell’attacco terroristico a Parigi, e anche dei mondiali di calcio in Brasile, ma si parla poco di catastrofi che si verificano in Brasile, come si è parlato poco dei problemi economici brasiliani, anche durante i mondiali di calcio, e si è parlato poco del viadotto crollato a Belo Horizonte.

Potrei fare tanti esempi di ipocrisia giornalistica italiana, ma preferisco fermarmi qui.

Quando c’è stato l’attacco a Parigi, tanta gente su Facebook ha messo la fotografia del profilo con la bandiera francese; io no, né su Facebook, né in altre reti sociali, per il semplice motivo che dovrei cambiare bandiera ogni volta che succede qualcosa. Nessuno di mia conoscenza ha messo una bandiera brasiliana come immagine del profilo.

bandiera brasiliana
bandiera brasiliana

Ora spiego in modo sintetico cosa è successo in Brasile.

Il Rio Doce è stato contaminato da sostanze altamente tossiche, che potrebbero causare gravi danni non solo al fiume stesso, ma anche al mare.

Copio e incollo dal sito di Repubblica.

Più di 60 milioni di metri cubi di fanghi tossici provenienti da una miniera di ferro hanno raggiunto l’Oceano Atlantico nello stato di Espirito Santo. Fuoriusciti il 5 novembre scorso dal cedimento delle dighe Fundao e Santarem hanno devastato il bacino del fiume Rio Doce, nella regione di Minas Gerais.

Non so cosa dicono le leggi brasiliane sul disastro ambientale, però mi risulta che ultimamente in Italia è uscita una legge che punisce pesantemente i danni ambientali, almeno quando non viene fatto niente per evitarli.

Tra l’altro, io ho saputo del disastro ambientale in Brasile con molto ritardo. Il fatto è del 5 novembre, ma io l’ho saputo alcuni giorni fa, non ricordo se a novembre o a dicembre. È vero che anch’io ho scritto questo articolo con ritardo, ma nessuno mi paga per scrivere articoli. È vero che Altervista mi paga per la pubblicità, ma sono pochi soldi, e ancora non ho visto una lira.

Ulteriori pagine sul disastro ambientale in Brasile

East Online

RSI News

TuttoGreen

GreenMe

Informare X Resistere

LifeGate

Scienze Notizie

Radio Popolare

Il Fatto Quotidiano (Ambiente & Veleni)

Il Fatto Quotidiano (articolo di Maria Rita D’Orsogna)

La Stampa

Rinnovabili.it

 

Siccità a Cuba

Un po’ di tempo fa ho scritto un articolo sui problemi cubani; questa volta parlo di un problema in particolare. Avete saputo della siccità a Cuba? Dicono che la siccità di quest’anno (2015) è la più grave degli ultimi 115 anni.

conseguenze della siccità a Cuba
immagine presente nel sito di Cubanet

Io ho saputo della siccità a Cuba grazie a una mia amica che abita a L’Avana, altrimenti non avrei saputo niente, in quanto i giornali italiani parlano poco di Cuba.

conseguenze della siccità a Cuba
immagine presente nel sito di Radio Reloj

La siccità ha creato seri problemi per l’agricoltura, ma anche per altri settori dell’economia cubana.

La mia amica Daimi ha bisogno di soldi per andare avanti. Se raccogliamo abbastanza, Daimi potrà uscire da Cuba, altrimenti i soldi raccolti serviranno a Daimi per vivere meglio nel suo paese.

So che in Italia c’è crisi, ma Cuba sta peggio. Tra l’altro, c’è una grossa differenza tra la moneta europea e la moneta cubana. Pochi soldi per noi italiani sono tanti soldi per i cubani.

Ho parlato della siccità a Cuba anche nel mio sito venezuelano.

Ultimamente ho stampato volantini che ho distribuito nella mia università; spero che in questo modo tanta gente venga a conoscenza dei problemi di Cuba. Presto pubblicherò copie del volantino che potranno essere scaricate e stampate liberamente. Per ora potete aiutarmi con una donazione attraverso Paypal.

Per ora penso di aver scritto le cose più importanti, ma probabilmente farò aggiornamenti.

Pagine esterne sulla siccità a Cuba

Scienze Notizie

Meteoweb

Meteo Portale Italia

EcuRed

Cuba Debate

Giorgio Bongiovanni

Martí Noticias

Serie televisive catastrofiche

Dopo l’articolo sulle serie televisive ambientaliste, voglio parlare di serie televisive catastrofiche. In questi giorni avrei altri argomenti di cui parlare, ma sento il bisogno di scrivere questo articolo perché in questi giorni ho visto «Tokyo magnitude 8.0».

Conoscete altre serie televisive catastrofiche?
Immagine di «Tokyo magnitude 8.0»
Conoscete altre serie televisive catastrofiche?

Per chi non lo sapesse, «Tokyo magnitude 8.0» è una serie a cartoni animati di 11 episodi. Quella serie parla di un terremoto che devasta Tokyo. Il terremoto si verifica alla fine del primo episodio, ma le conseguenze si vedono in tutti gli episodi successivi. Il finale mi ha dato l’amaro in bocca, ma complessivamente la serie mi piace molto. La storia è inventata, ma è stata scritta dopo una lunga ricerca sui terremoti. In ogni episodio, i protagonisti seguono il telegiornale per sapere la situazione dei vari quartieri di Tokyo. Il telegiornale è condotto da Christel Takigawa. Se questo nome non vi dice niente, vi consiglio di fare una ricerca.

Come ho già detto in un altro articolo, odio l’espressione «vittime e feriti», in quanto anche i feriti sono vittime, così come i dispersi. Per quello che ricordo, l’espressione di cui sopra viene usata in vari episodi di «Tokyo magnitude 8.0»; mi piacerebbe sapere se anche la vera Christel Takigawa usa quell’espressione nei telegiornali.

Per quello che so, tutto il territorio giapponese è ad alto rischio sismico, di conseguenza penso che sia inevitabile una serie televisiva sui terremoti.

Anche il territorio italiano è a rischio sismico, ma non conosco serie italiane sui terremoti.

La cosa che mi fa schifo non è l’assenza di serie televisive italiane sui terremoti, bensì la mancanza di leggi serie sulla costruzione di edifici.

Vogliamo parlare del terremoto in Abruzzo? Vogliamo parlare dell’alluvione a Genova? Ci sarebbe da parlare di tante cose, ma voglio concentrarmi sul modo in cui vengono costruiti gli edifici in Italia.

Perché certi edifici dell’antica Roma esistono ancora oggi? Ai tempi dei romani non c’erano terremoti? Non ci credo. Credo più a chi dice che i progettisti venivano uccisi se i loro edifici crollavano. Io sono contro la pena di morte, ma darei l’ergastolo a chi progetta edifici che crollano. L’Italia è passata da un eccesso a un altro. Ora i progettisti se la cavano con risarcimenti in denaro, come se i soldi facessero tornare in vita le persone morte. Da una parte mi piacerebbe che i soldi risolvessero tutti i problemi, ma so che non è così. Neanche l’ergastolo farebbe tornare in vita gente morta per il crollo di edifici, ma almeno sarebbe un ottimo deterrente per chi volesse costruire edifici che crollano facilmente; tanta gente sarebbe portata a costruire edifici resistenti; parlo dei progettisti e anche di chi concede le autorizzazioni.

Tornando al discorso sulle serie televisive catastrofiche, mi piacerebbe sapere se conoscete altre serie di questo genere; io conosco vari film, ma non conosco serie televisive catastrofiche oltre a «Tokyo magnitude 8.0».

Volkswagen (Gas Auto)

Avete saputo dello scandalo della Volkswagen?

Volkswagen (Gas Auto)Se ho capito bene, la Volkswagen ha truccato i risultati del controllo delle emissioni, in modo da vendere le proprie automobili dove altrimenti la legge lo avrebbe vietato. Per esempio, la Volkswagen voleva vendere le sue automobili negli Stati Uniti d’America, dove ci sono leggi restrittive sulla circolazione di veicoli. Dovrei fare un discorso lungo sulle contraddizioni statunitensi, ma lo farò in un articolo separato.

Da quando si è diffusa la notizia dello scandalo, vari dirigenti della Volkswagen hanno dato le dimissioni. Cosa faranno i nuovi dirigenti? Non lo so, ma secondo me faranno bene a ordinare la produzione di automobili elettriche, in modo da ridurre seriamente l’inquinamento. Mi viene in mente il mio articolo sull’efficienza energetica.

In questi giorni ho visto tanta satira sulla Volkswagen. Non so quale vignetta mi piace di più, ma non dimenticherò facilmente le minacce che vengono attribuite all’ISIS, né la vignetta sul falso controllo dell’emissione di gas inquinanti, che ora non riesco a trovare.

Minaccia satiricamente attribuita all'ISIS dopo lo scandalo Volkswagen
Minaccia satiricamente attribuita all’ISIS
Minaccia satiricamente attribuita all'ISIS dopo lo scandalo Volkswagen
Minaccia satiricamente attribuita all’ISIS

Aggiornerò questo articolo nei prossimi giorni.

Qui potete trovare pagine esterne sullo scandalo della Volkswagen

La Stampa

La Repubblica

Il Fatto Quotidiano

Huffington Post

Gazzetta dello Sport

Corriere dello Sport

Giornalettismo

Al Volante

ANSA

La Stella

Il Secolo XIX

Il Messaggero

Il Post

Il Sole 24 Ore

Quattroruote

Autoblog

Auto.it

Quotidiano.net

Libero Quotidiano

Tom’s Hardware

Fanpage Motori

 

 

Serie televisive ambientaliste

Conoscete serie televisive ambientaliste? In questo momento me ne vengono in mente due: «Widget» e «Capitan Planet»; entrambe le serie sono a cartoni animati.

So poco su «Capitan Planet»; non ho mai seguito quella serie, anche se ho visto alcuni pezzi in Internet, e quel poco che ho visto sembra interessante; esiste anche una seconda serie; l’ho saputo oggi, come ho saputo dell’esistenza di un film.

CP_DVD_Rings.Seguivo «Widget» tanto tempo fa, e mi piaceva molto. Grazie a quel cartone animato, ho sviluppato un forte senso dell’ambientalismo.

widgetPerché parlo di serie televisive ambientaliste? Secondo me, i mezzi di comunicazione di massa, se usati bene, possono dare messaggi positivi, in modo da migliorare la nostra civiltà. Vi ricordate l’articolo sulla monnezza mediatica?

Conoscete altre serie televisive ambientaliste? Sicuramente ci sono tanti documentari, ma gradirei sapere se esistono storie inventate che invitano a salvare il pianeta. Non ho niente contro i documentari; li trovo molto utili, e anche su quelli gradirei ricevere informazioni dai miei visitatori.

Era da tanto che volevo scrivere un articolo sull’ambiente; sicuramente scriverò altri articoli su questo argomento, ma ho ritenuto giusto scrivere qualcosa sulle serie televisive ambientaliste, perché vedo che pochi ne parlano.

Perché parlare dell’ambiente? Per un motivo molto semplice: mentre la Terra può vivere senza l’umanità, l’umanità non può vivere senza la Terra.