Archivi tag: rifiuti

Raccolta differenziata dei rifiuti

Oggi ho ritirato il kit per la nuova raccolta differenziata. Cosa cambia rispetto alla vecchia raccolta differenziata? Alcune cose mi piacciono, mentre altre mi irritano.

Ho notato con molto piacere che ora è possibile raccogliere i rifiuti organici separatamente dai rifiuti di altro tipo, come già si faceva in altre città; non so se si faceva in altri municipi di Roma, ma nel nuovo VII municipio (ex IX e X) non si faceva.

Mi irritano alcune cose che stanno scritte nel libretto di istruzioni. Dicono che nessun materiale deve essere lasciato fuori dai cassonetti; sarei perfettamente d’accordo se non ci fosse un «piccolo» particolare: certe volte i cassonetti sono pieni, di conseguenza è impossibile inserire altri rifiuti. Con che frequenza vengono svuotati i cassonetti?

Cos’altro mi irrita? Per quanto riguarda vetro, plastica e metalli, c’è scritto di svuotare e sciacquare i contenitori. Stiamo scherzando? Noi cittadini possiamo anche svuotare i contenitori, ma perché dobbiamo sciacquarli? Perché non lo fanno gli operatori ecologici? Per cosa paghiamo le tasse sullo smaltimento dei rifiuti? La cosa che mi fa più schifo è che lo stesso contenitore viene usato per vetro, plastica e metalli; non so se ora cambia qualcosa; forse ora il vetro viene separato, ma plastica e metalli restano insieme, almeno secondo un foglietto contenuto nel kit per la raccolta differenziata. Se gli operatori ecologici possono fare la fatica di separare la plastica dai metalli, perché non possono fare la fatica di sciacquare i contenitori?

Un’altra cosa irritante riguarda la raccolta dei farmaci scaduti. Viene consigliato di eliminare le scatole e i foglietti illustrativi prima di inserire i farmaci nel contenitore; spero che almeno non venga imposto. In ogni caso, non capisco dove sta scritto che gli operatori ecologici non possono fare questa fatica al posto dei cittadini.

So che a Roma si producono tanti rifiuti. Abitando a Roma, vedo che certe strade sono piene di rifiuti, e non solo le strade; anche prati e giardini. Secondo me, i vigili dovrebbero multare chi lascia i rifiuti per terra, salvo estrema necessità. I vigili potrebbero chiudere un occhio se i rifiuti vengono lasciati vicino ai cassonetti, ma non se vengono lasciati in un prato o in un giardino. Tra l’altro, mi fa schifo la gente che va in giro con il cane e poi non raccoglie le cacate. Per come la vedo io, quella gente dovrebbe essere multata pesantemente.

Tornando al problema della produzione di rifiuti, secondo me sarebbe utile vendere tante cose sfuse, in modo da incentivare i clienti a portare da casa il proprio contenitore; questo sì che incentiverebbe a lavare i contenitori dopo l’uso. Per esempio, se il succo di limone finisce, potrei portare il contenitore al negozio, che a sua volta mi venderebbe altro succo di limone e lo metterebbe direttamente nel contenitore; la stessa cosa si potrebbe fare per saponi, dentifrici, eccetera.

Per quanto riguarda i cassonetti, mi piacerebbe sapere perché non mettono pozzi come quelli che ho visto in alcune città spagnole. Tali pozzi non si riempirebbero, in quanto al piano di sotto ci sarebbe sempre qualcuno che controlla la quantità di rifiuti e porta via i rifiuti prima che venga raggiunto un livello troppo alto. Capisco che a Roma è difficile scavare, in quanto ci sono resti antichi, ma forse non tutti i quartieri sono così.

pozzi per la raccolta differenziata dei rifiuti a Gran Canaria
pozzi per la raccolta differenziata dei rifiuti a Gran Canaria

 

Rifiuti interurbani

Vi è mai capitato di produrre rifiuti in una città e doverli buttare in un’altra città? Io definisco questo fenomeno con il nome «rifiuti interurbani».

In varie città italiane, mancano i cassonetti dove sarebbero molto utili; la conseguenza è che tanta gente, per inciviltà o per pigrizia, lascia i rifiuti per terra.

A Cagliari viene punita l'introduzione di rifiuti interurbani nei cassonetti
Mappa di una città da sconsigliare come destinazione turistica, in quanto il comune punisce il senso civico

Per fortuna ci sono anche tanti italiani che presi dal senso civico, raccolgono i rifiuti altrui e li portano al cassonetto più vicino; li ammiro. Qual è il problema? In alcune città italiane, regolamenti comunali del cazzo vietano di introdurre nei cassonetti rifiuti provenienti da altre città; fanno eccezione i residenti, che sono autorizzati a introdurre rifiuti nei cassonetti indipendentemente dalla provenienza dei rifiuti stessi; potrei capirlo (non giustificarlo) se tale regola fosse scritta sui cassonetti, però mi risulta che sui cassonetti non c’è scritto niente. Non so neanche se a Roma vige la stessa regole sui rifiuti interurbani; questo significa che è difficile sapere certe cose.

Conoscete la storia di Ilaria Montis? Io l’ho letta in vari siti Internet. Tra l’altro, mi piacerebbe sapere se la protagonista ha dato il consenso per la comunicazione del nome per esteso, ma ora non voglio parlare di questo; ne parlerò in un altro articolo.

Ilaria Montis, dopo aver fatto un bagno in una spiaggia di Piscinas, ha raccolto un po’ di rifiuti presenti sulla spiaggia; vedendo che non c’erano cassonetti, ha portato i rifiuti a Cagliari, dove li ha introdotti in un cassonetto; per questa azione degna di una medaglia, Ilaria Montis è stata multata.

Perché i vigili non multano chi lascia i rifiuti per terra? Perché puniscono il senso civico invece di premiarlo?

Avrei ancora tante cose da dire, ma rischio di scendere nella volgarità.

Altri articoli sui rifiuti interurbani

Pulisce la spiaggia dai rifiuti, ma riceve multa da €167

Piscinas (Sardegna): pulisce la spiaggia dai rifiuti

Cagliari – Raccoglie rifiuti in spiaggia ma viene multata per averli gettati nei cassonetti comunali

Ripulisce la spiaggia dai rifiuti: ambientalista “premiata” con multa da 167 euro

Piscinas, raccoglie rifiuti non suoi e li butta a Cagliari, multata

Multata a Cagliari per aver raccolto rifiuti a Piscinas

Pulisce la spiaggia dai rifiuti e viene multata

Sardegna: bagnante pulisce la spiaggia dai rifiuti e viene multata