Archivi tag: vignette

Luis Quiles

Dopo aver parlato del giornale satirico Charlie Hebdo, voglio scrivere un articolo su Luis Quiles, uno spagnolo che scrive fumetti satirici.

Come avrete capito, mi piace molto la satira. Mi piace l’umorismo nero; mi piacciono le battute politicamente scorrette; un po’ mi piace sentire i commenti della gente quando faccio certe battute.

Prima di parlare di Luis Quiles, voglio spiegare alcune cose sulla Spagna.

La Spagna ha tanti problemi, come l’Italia e come tanti altri Stati.

Su certe cose, la Spagna sta meglio dell’Italia; su altre sta peggio. Proprio oggi ho comunicato con uno spagnolo attraverso una rete sociale; abbiamo confrontato le situazioni dei nostri Stati. Probabilmente nei prossimi giorni scriverò un articolo sui problemi spagnoli.

So poco su Luis Quiles; ho saputo della sua esistenza grazie a Internet, alcuni giorni prima dell’attacco alla sede di Charlie Hebdo.

Spero di trovare fumetti di Luis Quiles alla prossima edizione di Romics, altrimenti li cercherò in Spagna, oppure me li farò spedire, comprandoli attraverso Internet.

Come dicevo prima, Luis Quiles scrive e disegna fumetti satirici, ispirandosi a problemi spagnoli e di altri Stati, ma anche a problemi comuni a tutta l’umanità.

In Internet ho trovato interviste interessanti, ma anche vignette degne dei migliori giornali satirici.

Mi piace molto la vignetta su Silvio Berlusconi, ma anche quella sul McDonald’s è ottima, così come la vignetta sulle religioni e quella sui bambini soldato.

Luis Quiles fa satira su Silvio BerlusconiLuis Quiles fa satira sul McDonald'sLuis Quiles fa satira sulle religioni, soprattutto sul cristianesimoLuis Quiles fa satira sul fenomeno dei bambini soldatoCome mio solito, concluderò l’articolo con collegamenti a pagine esterne, ma prima voglio mettere una vignetta che paragona il comunismo al nazismo. La storia ci insegna che il comunismo e il nazismo hanno molto in comune, così come tante altre dittature.

Comunismo e nazismo secondo Luis Quiles

Aggiornamento del 26 aprile 2015

Nella sezione satirica del sito è presente una sottosezione dedicata a Luis Quiles.

Pagine esterne su Luis Quiles

Intervista del Fatto Quotidiano

Intervista su Erotic Art Drops

Intervista in spagnolo su Enkil

Articolo in portoghese su Universo AA

Pagina con immagini varie di Luis Quiles

Charlie Hebdo

Charlie Hebdo è un periodico settimanale satirico francese dallo spirito caustico e irriverente.

L’azione di critica è rivolta in primis alla difesa delle libertà individuali, civili e collettive, com’è difeso il diritto alla libertà d’espressione a partire dal proprio interno: non è infatti raro che i differenti redattori si siano trovati in disaccordo su temi più o meno importanti, per esempio in occasione del Referendum sulla Costituzione Europea. (fonte: Wikipedia)

Io sono Charlie Hebdo
Io sono Charlie Hebdo

Come molti di voi sapranno, ieri (7 gennaio 2015) c’è stato un attacco terroristico alla sede parigina di Charlie Hebdo. Secondo gli articoli che ho letto ieri e oggi, l’attacco è stato fatto da estremisti musulmani; apparentemente, il motivo è la pubblicazione di vignette che facevano satira sull’islam; un motivo futile per i miei gusti.

L’attacco alla sede di Charlie Hebdo, oltre a essere un atto criminale, mi sembra un atto di stupidità. Io solo ieri ho saputo dell’esistenza di quel giornale; senza l’attacco terroristico, non avrei saputo niente.

Se io conoscessi il francese, farei l’abbonamento a Charlie Hebdo, per il semplice motivo che mi piace molto la satira. Quando leggo Charlie Hebdo, mi sembra di lèggere il Vernacoliere; sarebbe interessante un incontro tra i direttori dei due giornali. Parlando di satira, mi viene in mente Luis Quiles, su cui scriverò un articolo separato, e mi viene in mente anche il mio articolo sull’umorismo nero.

Probabilmente nei prossimi giorni emergeranno ulteriori dettagli sull’attacco alla sede di Charlie Hebdo.

Pagine esterne su Charlie Hebdo e sul relativo attacco terroristico

Sito ufficiale

Corriere della Sera (Strage in redazione)

Corriere della Sera (La premonizione del direttore)

Repubblica (Assalto al giornale Charlie Hebdo)

La Stampa (Quella satira «cattiva» che disturbava i perbenisti)

Il Messaggero (Spari al giornale Charlie Hebdo)

Il Fatto Quotidiano (Identificati gli attentatori)

Il Fatto Quotidiano (Mitra contro vignette)

Il Fatto Quotidiano (A chi serve questa guerra?)

Il Fatto Quotidiano (Lutto nazionale)

Il Fatto Quotidiano (Solidarietà in Europa)

Il Fatto Quotidiano (Perché i conti non tornano)

 

Vignette pubblicate su Charlie Hebdo

Charlie HebdoCharlie HebdoCharlie HebdoCharlie HebdoCharlie Hebdo