Archivi tag: Smalfiland

Guadagnare con Youtube

Oggi voglio scrivere qualcosa di leggero. Spiegherò come guadagnare con Youtube.

I lettori abituali di questo blog sanno che qui parlo prevalentemente di politica, ma non esclusivamente. Certe volte aggiorno i visitatori su novità riguardanti altre sezioni del sito.

Ho intenzione di fare un po’ di filmati da caricare su Youtube; non so quando li farò; ovviamente avrò bisogno di una telecamera; probabilmente la comprerò dopo le vacanze invernali, oppure me la farò regalare per il compleanno.

Quando avrò fatto i filmati, attiverò la monetizzazione del mio canale, così metterò la pubblicità. All’inizio i guadagni saranno scarsi, ma cresceranno, come crescono i guadagni con Smalfiland.

Poiché parlo di tante cose nel sito, gli argomenti non mi mancheranno per il canale Youtube; l’unica differenza è il modo di comunicare.

Su Youtube ho visto filmati che spiegano come attivare la monetizzazione, mentre in un altro sito ho trovato un manuale, che per ora ho letto in parte.

Perché voglio fare filmati? Qualcuno dirà che mi interessano i soldi, e in parte è vero, ma il motivo principale è che spesso sento dire che i canali video sono più seguiti dei blog, di conseguenza possono essermi molto utili per diffondere informazioni e opinioni che abitualmente scrivo qui.

Guardalo (rete sociale)

Guardalo è una rete sociale dedicata alla visualizzazione di filmati. È come Youtube? Più o meno; una differenza è che con Guardalo è possibile guadagnare soldi a seconda del numero di visualizzazioni e condivisioni; io per ora ho guadagnato €1,37 caricando quattro filmati; sono iscritto da ieri. Sapete cosa significa questo? Ovviamente i guadagni cresceranno, e i primi iscritti saranno avvantaggiati. Vi ricorda qualcosa? Ho scritto cose simili parlando di Smalfiland, GlobAllShare e Nuovomondo.

GuardaloQuando si carica un filmato su Guardalo, bisogna scrivere un testo di presentazione di almeno 150 parole; il testo deve essere in italiano e non deve essere copiato da altri siti Internet. Per evitare la pubblicazione di testi di presentazione non validi, ogni testo viene controllato manualmente dagli amministratori della comunità; se il testo viene disapprovato, il filmato non viene pubblicato.

Non mi è chiaro come Guardalo riceve soldi, in quanto non ho visto pubblicità nel sito, ma so che Guardalo paga i suoi utenti nei seguenti modi: ricarica Paypal e bonifico bancario.

Se volete iscrivervi a Guardalo agganciandovi a me, quello che dovete fare è cliccare qui e seguire le istruzioni.

 

Psicologi di base

Vi risulta che in Italia esistono gli psicologi di base? A me risulta di no, almeno non in tutte le regioni italiane.

 

psicologi di base

L’idea di scrivere questo articolo mi è venuta un po’ di tempo fa; avevo letto la proposta degli psicologi di base su Facebook, e ultimamente in altre reti sociali; devo vedere se ne parlano anche Smalfiland e GlobAllShare.

Gli psicologi di base potrebbero lavorare negli stessi studi dei medici, in modo da capire se il problema è «hardware» o «software».

Come potrebbero lavorare gli psicologi di base? In vari modi; non so come lavorano in Veneto, ma io suggerisco di dare a ogni cittadino un’ora settimanale gratuita per parlare con uno psicologo di base; se non ci sono psicologi sufficienti per tutti i cittadini, si possono fare sedute di gruppo, oppure si può fare un’ora ogni due settimane o un’ora al mese.

In alcuni siti Internet ho letto che esiste una proposta di legge che consentirebbe ai medici di fare anche il lavoro degli psicologi; non mi piace; con tutto il rispetto per i medici, molti dei quali fanno un ottimo lavoro, non penso che un medico possa fare il lavoro di uno psicologo. Ho letto che il corso di laurea in medicina comprende anche un esame di psicologia, ma secondo me non è sufficiente. L’esame di psicologia sostenuto dai medici dovrebbe servire a capire se il problema è di competenza del medico o se invece è il caso di mandare il paziente da uno psicologo; lo psicologo di base semplificherebbe molto il problema.

Secondo me, può essere utile organizzare eventi in cui i partecipanti possono parlare con gli psicologi. Sarebbe interessante organizzare la «giornata della psicologia» o qualcosa di simile. Come potrebbe essere organizzato un evento di quel tipo? In tanti modi; per esempio, si potrebbero dividere gli psicologi a seconda delle branche; per esempio, a me piace molto l’interpretazione dei sogni, ma probabilmente mi rivolgerei anche a psicologi di altro tipo per altri problemi.

Secondo me, tanta gente ha bisogno di psicologi, e non parlo necessariamente di malati mentali, per i quali forse sono più indicati gli psichiatri; parlo di gente comune; probabilmente il problema è la scarsità di soldi causata dai governi che ci sono stati ultimamente. Se ci fosse il reddito minimo garantito, probabilmente tanta gente andrebbe dagli psicologi, evitando che piccoli disagi si traducano in problemi seri.

Pagine esterne sugli psicologi di base e sulla psicologia in generale

Psicologo di base: una rivoluzione possibile

Il Veneto sperimenta lo psicologo di base

Petizione contro la legge che consentirebbe ai medici di sostituire gli psicologi

Proposta di legge per lo psicologo di base

Proposta di legge nella Regione Veneto

Psicologia di base e cure primarie

Articolo di ANSA

Articolo del Mattino di Padova

Articolo di Altrapsicologia

Giornata nazionale della salute mentale

Recensioni relative a un libro sugli psicologi di base

Articolo di Wikipedia sulla psicologia

Smalfiland

Smalfiland è una rete sociale che mi piace molto. Quando invito qualcuno a iscriversi a Smalfiland, spesso sento rispondere: «È già tanto che sto su Facebook», mentre altri dicono di non frequentare reti sociali.

Smalfiland

Io capisco la gente che rifiuta le reti sociali in generale, mentre capisco di meno la gente che sta su Facebook e non vuole iscriversi a Smalfiland.

Agli utenti di Facebook rivolgo la seguente domanda: «Quanto vi dà Mark Zuckerberg per stare su Facebook?». Vi sembra strana questa domanda? Facebook guadagna tanti soldi per la pubblicità, ma non guadagnerebbe una lira se non avesse utenti. Ho citato Facebook, ma lo stesso discorso vale per altre reti sociali, tra cui Twitter, Sonico e Diaspora, tanto per fare alcuni esempi.

Voglio essere sincero. Per ora ho guadagnato poco con Smalfiland: 10 centesimi in due mesi, ma i guadagni cresceranno, in quanto Smalfiland è destinata a crescere. Maggiori saranno i guadagni della rete sociale, maggiori saranno i guadagni di ogni singolo utente. Ovviamente vengono premiati gli utenti che «lavorano» di più.

Non spiegherò dettagliatamente come vengono calcolati i guadagni di ogni utente di Smalfiland; farò un riassunto molto sintetico.

Io ho collegato il mio profilo Smalfiland con i miei profili Twitter e Linkedin; in questo modo, ogni giorno, nei miei profili Twitter e Linkedin, viene fuori la pubblicità di Smalfiland, e ovviamente Smalfiland mi paga.

In più, Smalfiland paga ogni utente che porta nuovi utenti; io per ora non ho portato nessuno, in quanto nessuno ha accettato il mio invito(*). Chi di voi vuole essere il primo? È una grande occasione, da cogliere il più presto possibile.

Dovrei citare anche GlobAllShare, su cui penso di scrivere un articolo nei prossimi giorni.

Se conoscete altre reti sociali che pagano gli utenti, fatemi sapere!

Qualcuno vorrà sapere quanto costa l’iscrizione a Smalfiland; ancora non ho detto che l’iscrizione è gratuita; ci sono servizi a pagamento, tra cui la pubblicità, ma tanti servizi sono gratuiti; questo significa che potete frequentare Smalfiland senza spendere una lira, e se tutto va bene, presto guadagnerete un po’ di soldi per il semplice fatto di frequentare una rete sociale.

(*)Aggiornamento del 24 gennaio 2016

Un po’ di tempo fa, alcuni miei conoscenti hanno accettato il mio invito a Smalfiland; avevo dimenticato di scriverlo.

Aggiornamento del 25 maggio 2016

Poco tempo fa ho fatto registrazioni video in cui parlo di Smalfiland.

Cliccando qui, troverete il video in spagnolo.

Ho fatto anche una registrazione in italiano, ma la parte audio è disturbata.

Il progetto DEDI (Democrazia Digitale)

Democrazia Digitale è un movimento che cerca di candidare gente onesta per le elezioni, come il Movimento 5 Stelle, con la differenza che non c’è il limite di due mandati elettivi.

Simbolo di Democrazia Digitale

Io già da un po’ seguivo il sito di Democrazia Digitale, ma solo ieri ho fatto l’iscrizione. Democrazia Digitale cerca nuovi candidati; sta già preparando liste provvisorie per le prossime elezioni nazionali.

Se ho capito bene, il progetto DEDI è partito da Michele Santise, che sta facendo un ottimo lavoro, anche grazie agli altri iscritti.

Tra l’altro, chi conosce Democrazia Digitale non può non conoscere Smalfiland, una rete sociale che premia chi porta nuovi utenti. Le reti sociali guadagnano tanti soldi grazie alla pubblicità, ma non guadagnerebbero una lira se non avessero utenti. Perché non dare una parte di quei soldi agli utenti? Questa è la domanda che è stata fatta da chi ha fondato Smalfiland, ma anche da chi ha fondato reti sociali simili, e non solo reti sociali. Ci sarebbe da fare un discorso lungo sulla mercatistica multilivello.

Se il progetto DEDI vi interessa, potete iscrivervi gratuitamente; anch’io mi sono iscritto senza spendere una lira. Se avete bisogno di informazioni, potete chiedere a me o ad altri iscritti a Democrazia Digitale.

Come ho scritto nella pagina principale del mio sito (graficamente scarsa ma utile secondo me), potete scrivermi all’indirizzo paolomarzano@altervista.org e potete anche inviare files attraverso l’apposita pagina.

Tra l’altro, ogni iscritto a Democrazia Digitale ha un blog; gli articoli devono essere approvati dagli amministratori della comunità, ma una volta approvati, sono un’ottima pubblicità per la propria campagna elettorale.

Un blog per le mie campagne

Oggi (18 aprile 2014) ho aperto questo blog per pubblicizzare le mie attività. I miei visitatori abituali sanno che nel mio sito parlo prevalentemente di politica, ma non solo. Il blog mi sarà utile per scrivere articoli; è vero che posso scriverli in altre pagine del sito, ma scrivere nel blog è più veloce.

Ho aperto il mio sito quattro anni fa, quando ero candidato alla Regione Lazio; l’anno scorso ero candidato al Comune di Roma. Quando non mi candido, faccio politica in altri modi, per esempio, dichiarando le mie intenzioni di voto o parlando di problemi collettivi.

Poiché non mi occupo solo di politica, uso questo sito anche per pubblizzare attività di altro tipo, per esempio, ho un’attività Amway; la mia pagina Amway è stata bloccata per apparente violazione del regolamento, ma la mia attività ancora esiste.

Chi volesse iscriversi ad Amway agganciandosi a me, ha bisogno del seguente codice: 5064694

Ultimamente ho conosciuto due reti sociali che mi piacciono molto: Smalfiland e GlobAllShare; sono diverse da altre reti sociali, nel senso che premiano chi porta nuovi utenti. Per entrare è necessario l’invito; nessun problema; dovete solo cliccare i seguenti collegamenti e seguire le istruzioni.

http://www.smalfiplanet.com/lp/bid.aspx?lang=it&pid=5cc93a8e-494a-4c0e-8321-a14207d8185d

https://www.globallshare.com/it/1892217.html

 

Per ora penso di aver detto le cose più importanti. Scriverò altri articoli nei prossimi giorni.