Archivi tag: sistema giudiziario

Sistema giudiziario indiano

Vi ricordate l’articolo sui diritti umani? Ora ne scrivo uno sul sistema giudiziario indiano, che apparentemente è peggio di quello italiano.

Ho già parlato abbondantemente della «giustizia» italiana, citando i casi di Stefano Cucchi e Federico Aldrovandi, uccisi da chi doveva garantire la loro sicurezza. Ho citato anche il caso di Francesco Schettino, facendo un paragone con Fabrizio Corona.

Perché ora parlo dell’India? Un po’ per i marò; un po’ perché oggi ho visto un film ispirato alle prigioni indiane; quel film è una storia inventata; c’è scritto che ogni riferimento a persone realmente esistite è puramente casuale, ma alla fine del film c’è scritto che in India tanta gente trascorre anni in prigione in attesa di processo. In più, è facile risultare colpevoli anche se si è innocenti. Nel film di cui parlo, il protagonista finisce in prigione per due crimini commessi da un suo compagno di alloggio; in primo grado, viene condannato per entrambi i crimini; in appello, viene condannato per un crimine e assolto per l’altro; in cassazione viene assolto per entrambi i crimini.

film sul sistema giudiziario indiano

Ora voglio parlare dei marò, che sarebbero i fucilieri del I Reggimento “San Marco”. Ovviamente i marò di cui parlo sono Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, entrambi accusati di omicidio; per quello che so, entrambi sono stati condannati in primo grado; spero che entrambi vengano assolti nei successivi gradi di giudizio, ma il problema maggiore è che le autorità indiane hanno dato una versione dei fatti che contraddice la logica. Tra l’altro, non so se è legittimo il giudizio da parte delle autorità indiane, in quanto il fatto è avvenuto in acque internazionali.

Premesso che abitualmente evito i telegiornali della Mediaset, il TG5 ha fatto un servizio interessante.

Mi è piaciuto molto l’intervento di Alessandro Di Battista, così come quello di Giorgia Meloni.


Tra l’altro, Giorgia Meloni fa notare che l’Unione Europea non deve servire solo per fare i comodi del governo tedesco, mentre Alessandro Di Battista fa notare che il governo italiano ha mandato i marò in uno Stato in cui rischiavano una condanna a morte, che fortunatamente non è stata emessa in nessun grado di giudizio contro tali imputati.

Dovrei citare altri casi di italiani prigionieri in India. Penso di aggiornare questo articolo nei prossimi giorni.

Aggiornamento del 16 ottobre 2015

Msimone mi fa notare che i marò ancora non sono stati processati. Cercando in Internet, ho visto che Msimone dice la verità. La disinformazione fa scherzi strani.

Ora collego alcuni articoli che confermano la versione di Msimone.

Quello che i media italiani non dicono

Il salto di Rodi Il caso marò

12 punti contro le bombe al panzanio del caso marò

Vietato pagare riscatti

Era da un po’ che volevo scrivere questo articolo, ma ultimamente avevo poca voglia di scrivere. Mi risulta che in Italia è vietato pagare riscatti; da una parte mi sembra giusto, per motivi che spiegherò in questo articolo; il problema è che a questa legge vengono fatte eccezioni a seconda di chi sono le vittime di sequestri di persona, almeno così mi risulta.

Se un cittadino italiano residente in Italia organizza una colletta per raccogliere soldi necessari per pagare un riscatto, il magistrato competente esegue il blocco dei beni, per impedire al cittadino di pagare il riscatto, almeno così dice la legge.

Cos’è successo nel caso di Greta Ramelli e Vanessa Marzullo? Non è chiaro, in quanto Paolo Gentiloni ha dato una risposta ambigua.

Paolo Gentiloni dovrebbe ricordare che è vietato pagare riscatti

Vogliamo parlare dei marò? Ne parlerò in un articolo separato, perché dovrei parlare anche del sistema giudiziario indiano, che secondo me funziona in modo approssimativo.

Perché mi sembra giusto il divieto di pagare riscatti? Se qualcuno paga il riscatto, i sequestratori faranno altri sequestri di persona sapendo che qualcuno pagherà. Se qualcuno ha pagato per la liberazione di Greta e Vanessa, i sequestratori si sentiranno incentivati a prendere in ostaggio altri italiani, perché tanto il governo italiano paga. In più, i sequestratori, ricevendo il pagamento del riscatto, avranno più risorse per svolgere ulteriori attività criminali. Tra l’altro, mi risulta che non tutti i sequestratori mantengono la promessa di liberare gli ostaggi; mi risulta che alcuni ostaggi sono stati uccisi dopo il pagamento del riscatto.

paolo gentiloni willy wonkaPerché mi sembra giusto il blocco dei beni? Se qualcuno di mia conoscenza venisse preso in ostaggio, probabilmente cercherei di pagare il riscatto, come farebbe tanta gente, allora deve entrare in gioco un’istituzione, che a differenza degli esseri umani, non prova emozioni, di conseguenza può agire secondo la logica. Se ritenete ingiusto il blocco dei beni, potete spiegare le vostre ragioni; forse cambio idea.

Se deve essere vietato pagare riscatti, che sia così per tutti!
Se deve essere vietato pagare riscatti, che sia così per tutti!

Perché mi fanno schifo le eccezioni? Perché in questo modo viene data più importanza ad alcuni cittadini e meno ad altri, diversamente da come dice l’articolo 3 della costituzione italiana. Piuttosto che fare eccezioni, secondo me sarebbe meglio pagare il riscatto a tutti, e secondo me non è una soluzione, per i motivi che ho detto prima. La soluzione è organizzare meglio la liberazione degli ostaggi; mi risulta che operazioni di quel tipo sono di competenza dei servizi segreti. Non so come funzionano i servizi segreti italiani, ma è chiaro che qualcosa non va. Se è stato pagato un riscatto per Greta e Vanessa, spero che almeno non sia stato pagato con soldi pubblici, perché sarebbe molto più grave del pagamento con soldi privati.

Lista di pagine esterne sui fatti esposti in questo articolo e sui motivi per cui è vietato pagare riscatti

Articolo di Wikipedia sul sequestro di persona

Articolo di Wikipedia sul sequestro di persona a scopo di estorsione

Articolo di Repubblica sul caso di Greta e Vanessa

Articolo di Repubblica sulla legge relativa al blocco dei beni

Articolo del Corriere della Sera sulla legge relativa al blocco dei beni

Articolo del Corriere della Sera sul caso di Greta e Vanessa

Articolo di Intelligo News

Articolo di Informare

Stopeuro (Sequestrati di serie B)