Archivi tag: criminalità

Scuole cattoliche

In questo articolo parlerò delle scuole cattoliche, in quanto ultimamente ho ascoltato una testimonianza del mio conoscente Evaristo, che dice di aver frequentato una scuola elementare cattolica.

Secondo la testimonianza, Evaristo ha frequentato una scuola gestita da suore, che predicavano la nonviolenza ma poi menavano gli studenti; l’apoteosi dell’ipocrisia. Le suore rendevano le loro materie tutt’altro che interessanti, ma so che questo succede anche in tante scuole laiche. Nella scuola frequentata da Evaristo, c’era l’obbligo di pregare ogni giorno prima della lezione e anche prima e dopo il pranzo. Che interesse avevano le suore a imporre la preghiera? E soprattutto, come si può predicare il rispetto se si impone la propria credenza agli altri? Evaristo mi ha riferito notizie di violenze pesanti; non solo mani che colpiscono facce di bambini innocenti, che già sarebbe gravissimo, ma anche mani che pizzicano le guance o il collo di tali bambini. C’erano anche suore buone, forse per fare il gioco del poliziotto buono e del poliziotto cattivo. Evaristo riferisce che c’erano anche docenti laici, ma ha chiesto di non rivelare le materie insegnate da tali docenti, in quanto teme che la sua identità possa essere svelata. Come mi aspettavo, i maestri laici non menavano nessuno. Non ho osato chiedere l’opinione di Evaristo sulla Chiesa cattolica, ma penso che sia molto negativa.

Ricordate il mio articolo sulla violenza domestica? La violenza nelle scuole è qualcosa di simile.

Spesso sento dire che dalle scuole cattoliche esce la maggiore percentuale di criminali, e penso che sia vero.

Evaristo dice che ogni tanto gli viene in mente di uccidere qualcuno, e c’è stato anche un periodo in cui spesso aveva in mente di stuprare le donne che gli capitavano davanti, almeno quelle che lo attiravano. L’autocontrollo è l’unica cosa che ha trattenuto Evaristo dal commettere tali crimini. Io ho consolato Evaristo dicendo che non è il primo ad avere idee di questo tipo, dicendo anche che lo ammiro per l’autocontrollo. Evaristo dice che quella scuola costava un po’ di soldi, anche se non sa quanti e preferisce non saperlo. Evaristo dice che alcuni suoi ex compagni di classe si sono suicidati; forse non sopportavano il ricordo di quella scuola, o forse temevano di uccidere altre persone e hanno preferito sacrificare sé stessi. Evaristo ha detto chiaramente che spera di non incontrare mai più quelle suore, altrimenti sarà lui a menarle. Evaristo mi ha ringraziato per l’intervista, dicendomi che io sono tra i pochi che lo capiscono.

Prima di chiudere, voglio collegare alcune pagine esterne sulle scuole cattoliche.

Gruppo di Facebook sui danni fatti dalle suore

Altro gruppo di Facebook sui danni fatti dalle suore

Forum con testimonianze di violenza fatta da suore

Parcheggi incustoditi a pagamento

In varie città italiane ci sono parcheggi incustoditi a pagamento, almeno così c’è scritto sui cartelli, ma vari siti Internet dicono che i responsabili del parcheggio hanno l’obbligo di custodire i veicoli se è previsto un pagamento per il deposito dei veicoli stessi, e in caso di danni, hanno l’obbligo di risarcimento; tale obbligo viene meno se il responsabile del veicolo firma un modulo che solleva il responsabile del parcheggio da tale responsabilità. Cosa significa questo? Se vi fanno pagare qualcosa e non vi fanno firmare niente, avete diritto al risarcimento di eventuali danni al veicolo parcheggiato, anche se i cartelli dicono diversamente. Se vi chiedono di firmare qualcosa, leggete attentamente il modulo, in modo da evitare sorprese.

Cartello contraddittorio in un parcheggio
Contraddizione in termini

Tra l’altro, oggi ho letto varie pagine interessanti; c’erano cose che sapevo, ma anche informazioni nuove per me.

Se pagate il parcheggio in anticipo e lasciate il veicolo oltre il tempo previsto, eventuali multe sono nulle, pertanto potete fare ricorso, facendovi restituire l’importo della multa e le eventuali spese sostenute per il ricorso. Il responsabile del parcheggio può chiedere la differenza rispetto al tempo pagato anticipatamente, ma non è autorizzato a fare multe; al massimo può chiedere una penale, che deve essere indicata sul biglietto, sul distributore di biglietti o all’interno del parcheggio, e comunque deve essere minore della multa.

I comuni sono tenuti a mettere a disposizione parcheggi gratuiti nelle vicinanze di parcheggi a pagamento; ci sono eccezioni a questa regola, tra cui aree pedonali e zone a traffico limitato.

Vogliamo parlare dei parcheggiatori abusivi? Mi fanno schifo tutti, ma quelli più schifosi sono quelli che lavorano nei parcheggi a pagamento, costringendo gli automobilisti a pagare due volte. La cosa che mi fa più schifo è che i comuni non fanno niente per cambiare questa situazione. Cosa dicono le leggi italiane? Uno sarebbe anche contento di pagare il parcheggio, ma deve avere la certezza di non trovare parcheggiatori abusivi o altri criminali.

Qual è la differenza tra un parcheggio a pagamento e un parcheggiatore abusivo? Nel primo caso, uno spera che i soldi vengano spesi nel modo giusto; se i soldi vanno al comune, almeno diventano soldi pubblici; è vero che certe giunte comunali spendono male i soldi, ma questo è un altro discorso. Nel secondo caso (parcheggiatori abusivi), i soldi vanno ai criminali.

Ulteriori articoli sui parcheggi d’Italia

Articolo di Wikipedia sui parcheggi a pagamento

Articolo di Wikipedia sui parcheggiatori abusivi

Articolo di Nonciclopedia sui parcheggiatori abusivi

Parcheggi a pagamento: multe nulle se in zona mancano aree di sosta gratuita

Multe non valide nelle strisce blu se vicino non c’è la sosta gratis

Parcheggi a pagamento, basta multe per chi sosta oltre l’orario sul ticket

Parcheggi a pagamento: la multa per grattino scaduto non è valida

Parcheggio a pagamento oltre l’orario? Le multe da €25 sono illecite

Parcheggi a pagamento incustodito: una sentenza stabilisce la responsabilità del gestore

La Cassazione sui parcheggi a pagamento incustoditi: “Obbligo del gestore di risarcire furto/danni al veicolo”

Obbligo del gestore di risarcire furto o danni al veicolo

Testimonianza di chi denuncia i parcheggiatori abusivi

Testimonianza di chi ha rifiutato di pagare il pizzo

Comunità del parcheggio sicuro