Archivi tag: Brasile

Disastro ambientale in Brasile

Ultimamente c’è stato un disastro ambientale in Brasile, ma in Italia se ne parla poco; non so perché. Si è parlato molto dell’attacco terroristico a Parigi, e anche dei mondiali di calcio in Brasile, ma si parla poco di catastrofi che si verificano in Brasile, come si è parlato poco dei problemi economici brasiliani, anche durante i mondiali di calcio, e si è parlato poco del viadotto crollato a Belo Horizonte.

Potrei fare tanti esempi di ipocrisia giornalistica italiana, ma preferisco fermarmi qui.

Quando c’è stato l’attacco a Parigi, tanta gente su Facebook ha messo la fotografia del profilo con la bandiera francese; io no, né su Facebook, né in altre reti sociali, per il semplice motivo che dovrei cambiare bandiera ogni volta che succede qualcosa. Nessuno di mia conoscenza ha messo una bandiera brasiliana come immagine del profilo.

bandiera brasiliana
bandiera brasiliana

Ora spiego in modo sintetico cosa è successo in Brasile.

Il Rio Doce è stato contaminato da sostanze altamente tossiche, che potrebbero causare gravi danni non solo al fiume stesso, ma anche al mare.

Copio e incollo dal sito di Repubblica.

Più di 60 milioni di metri cubi di fanghi tossici provenienti da una miniera di ferro hanno raggiunto l’Oceano Atlantico nello stato di Espirito Santo. Fuoriusciti il 5 novembre scorso dal cedimento delle dighe Fundao e Santarem hanno devastato il bacino del fiume Rio Doce, nella regione di Minas Gerais.

Non so cosa dicono le leggi brasiliane sul disastro ambientale, però mi risulta che ultimamente in Italia è uscita una legge che punisce pesantemente i danni ambientali, almeno quando non viene fatto niente per evitarli.

Tra l’altro, io ho saputo del disastro ambientale in Brasile con molto ritardo. Il fatto è del 5 novembre, ma io l’ho saputo alcuni giorni fa, non ricordo se a novembre o a dicembre. È vero che anch’io ho scritto questo articolo con ritardo, ma nessuno mi paga per scrivere articoli. È vero che Altervista mi paga per la pubblicità, ma sono pochi soldi, e ancora non ho visto una lira.

Ulteriori pagine sul disastro ambientale in Brasile

East Online

RSI News

TuttoGreen

GreenMe

Informare X Resistere

LifeGate

Scienze Notizie

Radio Popolare

Il Fatto Quotidiano (Ambiente & Veleni)

Il Fatto Quotidiano (articolo di Maria Rita D’Orsogna)

La Stampa

Rinnovabili.it

 

Pallavolo femminile 2014

Quest’anno si svolge il campionato mondiale di pallavolo femminile. Sapete dove si svolge? Ve lo dico io: in Italia.

Io ho saputo di questo campionato grazie a Youtube, in cui ho trovato una pubblicità della Kinder, sponsor della squadra nazionale di pallavolo femminile. Senza Youtube, non avrei saputo niente.

Secondo Wikipedia, il campionato si svolge nelle seguenti città: Bari, Milano, Modena, Roma, Trieste e Verona.

Tra l’altro, oggi (2 ottobre) ho saputo che le Poste Italiane stampano francobolli in onore di questo campionato.

Francobollo in onore del campionato mondiale di pallavolo femminile del 2014
Francobollo in onore del campionato mondiale di pallavolo femminile del 2014

Perché in Italia si parla tanto di calcio e poco di altri sport?

Io ho deciso di non seguire il campionato mondiale di calcio, non per menefreghismo verso l’Italia, bensì per rispetto verso il popolo brasiliano vittima del governo brasiliano. Come ho scritto precedentemente in questo blog, il governo brasiliano ha speso tanti soldi per costruire nuovi stadi, ma non li spende per migliorare la scuola pubblica e la sanità pubblica. In più, tante opere pubbliche vengono fatte in modo approssimativo. Vi ricordate del viadotto crollato a Belo Horizonte?

In questi giorni avevo l’idea di scrivere un articolo sul Brasile dopo i mondiali di calcio; lo scriverò quando avrò acquisito informazioni sufficienti in merito; ho bisogno di testimonianze di gente che vive in Brasile.

Ho scritto un articolo molto sintetico, ma penso di aver detto le cose più importanti.

Altri articoli sul campionato mondiale di pallavolo femminile del 2014

Articolo di Wikipedia sul campionato mondiale di pallavolo femminile

Articolo di Wikipedia sulla squadra nazionale italiana di pallavolo femminile

Calendario del campionato

Sito relativo alle partite che si svolgono a Modena

Calendario delle partite che si svolgono a Verona

Sito della Federazione Italiana Pallavolo

Sito della Lega Volley Femminile

Articolo del Corriere dello Sport

Articolo di Blasting News

Outdoorblog

Olimpiazzurra

Il Fatto Quotidiano

Dallaryvolley

Tuttosport

Viadotto crollato a Belo Horizonte

Secondo vari siti Internet, ieri (3 luglio 2014) un viadotto è crollato a Belo Horizonte, facendo almeno 2 morti e 19 feriti. Risulta che tale viadotto era previsto per i mondiali di calcio di quest’anno, ma è rimasto incompiuto; probabilmente questa è la causa del crollo.

Viadotto crollato su un autobus a Belo Horizonte
Viadotto crollato su un autobus

Ora io voglio fare alcune domande:

1Quanto è costato quel viadotto? Come è stato costruito?

2Quanto costa costruire un viadotto in modo serio?

3Quanto sono costati gli stadi costruiti ultimamente per ordine del governo brasiliano?

4Quanto sono costate le altre porcate che il governo brasiliano ha fatto per ospitare i mondiali di calcio?

5Quanto costerebbe migliorare i servizi pubblici per i cittadini brasiliani?

So che giornali di vari Stati parlano di questo fatto, ma secondo me non è sufficiente. Spero che questo incidente porti i giornalisti di tutti i paesi a parlare dei fatti che si stanno verificando in Brasile. Si parla tanto dei mondiali di calcio, che io ho deciso di non seguire, in quanto tale campionato mi sembra un insulto verso il popolo brasiliano. Perché non si parla di cose più importanti? I giornalisti vengono pagati dai governi per applicare la prima strategia della manipolazione?

Sono altamente schifato per le azioni del governo brasiliano.

Collegamenti ad altre pagine sul viadotto crollato a Belo Horizonte

Lapresse

Yahoo

RSI News

Giornalettismo

Swissinfo

Gazzetta dello Sport

XXI Secolo

La Stampa

Euronews

Il Sole 24 Ore

Corriere della Sera

Il Messaggero

Repubblica

ANSA

Sky

RAI News

Il lato oscuro dei mondiali di calcio in brasile

Se ho capito bene, oggi c’è la cerimonia di apertura dei mondiali di calcio in Brasile. Tanta gente d’Italia e di altri paesi guarderà l’evento, chi allo stadio, chi per televisione. Fin qui, non avrei niente in contrario, o meglio, il calcio non mi piace, ma non voglio parlare di questo. Voglio spiegare i motivi per cui secondo me è meglio non seguire questo mondiale di calcio.

In Brasile, non c’è una scuola pubblica degna di quel nome né una sanità pubblica decente. Chi ha i soldi, può accedere a tanti servizi; chi non ce li ha, è condannato. Il governo brasiliano per anni ha giustificato questa situazione dicendo che mancano i soldi, più o meno come fanno i governi di altri Stati. I brasiliani hanno sopportato a lungo questa situazione, ma poi hanno perso la pazienza e sono scesi in piazza a manifestare. Perché i brasiliani si stanno ribellando? Gira la voce dell’aumento delle tariffe del trasporto pubblico; OK, forse è la goccia che ha fatto traboccare il vaso, ma non è il motivo principale; c’è un motivo molto più importante: il governo brasiliano ultimamente ha speso tanti soldi per costruire nuovi stadi; da questo si evince che i soldi ci sono; semplicemente vengono spesi nel modo sbagliato.

Il lato oscuro dei mondiali di calcio in Brasile
Manifestazione in Brasile
Il lato oscuro dei mondiali di calcio in Brasile
Scontri tra manifestanti e forze dell’ordine

Ho letto vari articoli; metterò i relativi collegamenti alla fine.

Ho visto vari filmati, ma ora non riesco a trovarli.(*)

Ho visto pubblicità che invitano ad andare in Brasile per assistere ai mondiali di calcio; ogni volta che vedevo una di quelle pubblicità, mi veniva l’amaro in bocca.

Io non andrei ad assistere a quelle partite neanche se qualcuno mi pagasse tutte le spese; piuttosto mi unirei ai manifestanti, sapendo che potrei prendere manganellate o altro.

Collegamenti ad altre pagine sul lato oscuro dei mondiali di calcio in Brasile

Articolo di Micromega

Articolo di Gizele Martins

Articolo di Domenico Musella

Articolo di ItaliaBrasile

Articolo di Newsrimini

Quattro motivi per cui il mondiale rischia di essere un disastro

Manifestazioni e scontri

(*)Aggiornamento del 4 luglio 2014

Ho trovato i seguenti filmati: