Petrolio siciliano

Dopo aver scritto un articolo sul petrolio canario, ne scrivo uno sul petrolio siciliano.

Mappa dell'estrazione di petrolio siciliano

Mappa dell’estrazione di petrolio siciliano

Oggi ho saputo che la Regione Sicilia, presieduta da Rosario Crocetta, ha autorizzato la costruzione di una piattaforma petrolifera nelle acque territoriali siciliane; come saprete, questa decisione mi schifa altamente.

Sorvolando sul fatto che il consumo di petrolio e derivati è una fonte di inquinamento non trascurabile, vogliamo parlare dell’estrazione del petrolio? Mi ricordo di aver già scritto un articolo in merito, ma quella volta ho parlato delle Isole Canarie; questa volta parlo della Sicilia, che si trova nel Mare Mediterraneo, come molti di voi sapranno. Se si verifica una fuoriuscita di petrolio, il Mare Mediterraneo resterà inquinato per tanto tempo, molto più di quanto impiegherebbero le acque territoriali canarie a pulirsi, in quanto il Mare Mediterraneo è un mare chiuso. Con questo non voglio giustificare l’estrazione di petrolio da nessuna parte, né in mari chiusi, né in oceani. Potrei capire l’estrazione di petrolio se non esistessero le fonti rinnovabili, ma è risaputo che le fonti rinnovabili sono le più sicure e le più economiche. Perché pagare di più per una fonte di energia inquinante? Chi ci guadagna?

Tra l’altro, mi risulta che la Sicilia è zona sismica, pertanto il rischio di rottura dei tubi è molto alto. Mi sembra quasi di scrivere un doppione dell’articolo sul petrolio canario; anche là ho esposto il rischio sismico.

Per ora penso di aver detto le cose più importanti.

Altre pagine sull’estrazione di petrolio siciliano

Accordo su gas e petrolio in Sicilia

Petrolio, attivisti di Greenpeace a Mondello

Sicilia, petrolio: attivisti di Greenpeace sulle spiagge di Mondello contro le trivellazioni

No trivelle nel Canale di Sicilia

No alle trivelle, sì al Parco di Pantelleria

Le zone sismiche in Italia: Sicilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*