Pena ridicola per Francesco Schettino

Francesco Schettino è stato condannato a 16 anni di prigione, che secondo me è una pena ridicola; l’accusa aveva chiesto 26 anni, che secondo me è poco, ma i giudici hanno ridotto una pena che secondo me era già scarsa. In ogni paese civile, criminali come Francesco Schettino vengono condannati all’ergastolo da scontare in carceri di massima sicurezza.

Pena ridicola per Francesco SchettinoSapete qual è una cosa ridicola secondo me? Il delinquente Francesco Schettino è stato condannato all’interdizione perpetua dai pubblici uffici, ma solo a cinque anni di interdizione dal comando di nave; io avrei fatto al contrario, nel senso che avrei dato cinque anni di interdizione dai pubblici uffici e interdizione permanente dal comando di nave. Forse io avrei fatto ancora meglio, nel senso che avrei condannato Francesco Schettino ai lavori forzati in mare.

Un’altra cosa ridicola è che il tribunale di Grosseto ha respinto la richiesta di arresto immediato con la scusa che «non c’è rischio di fuga». Ci stanno prendendo per il culo? Stiamo parlando di una «persona» che ha abbandonato una nave quando invece doveva salvare i passeggeri e possibilmente anche l’equipaggio. Se il criminale ha abbandonato la nave per paura di morire, la logica mi suggerisce che lo stesso delinquente cercherà di abbandonare l’Italia per paura di finire in galera.

L’ergastolo non farebbe tornare in vita le persone uccise dall’inadempienza di Francesco Schettino, ma ogni pena inferiore sarebbe un insulto verso tali persone. La cosa che mi fa più schifo è che gente più onesta di Francesco Schettino ha ricevuto pene più pesanti. Tanto per fare un esempio, mi risulta che Fabrizio Corona è stato condannato a 15 anni di prigione senza aver ucciso nessuno. Un altro giorno scriverò un articolo su Fabrizio Corona e sulla pena eccessiva a cui è stato condannato, ma ora voglio concentrarmi su Francesco Schettino.

La società Costa pagherà i danni? Spero di sì, fino all’ultima lira. Francesco Schettino non è l’unico colpevole; sono colpevoli anche quelli della capitaneria di porto che autorizzavano manovre pericolose; non potevano non sapere di tali manovre; sono colpevoli i dirigenti della Costa, in quanto sono responsabili delle manovre fatte dalle loro navi. Non so se Francesco Schettino eseguiva ordini quando faceva i cosiddetti inchini; voglio sperare che non sia così stupido da fare manovre pericolose di propria iniziativa; il suo crimine più grave è stato abbandonare la nave, quando è risaputo che il comandante dovrebbe essere l’ultimo a uscire dalla nave.

Vi ricordate la telefonata di Gregorio De Falco? Potete ascoltarla qui.

Parlando di danni, c’è gente che ha speso tanti soldi per sedute con psicologi, e questo succede perché mancano gli psicologi di base, di cui l’Italia ha bisogno. Manca anche il reddito di cittadinanza, che in parte aggirerebbe il problema della mancanza di psicologi di base.

Avevo già scritto un articolo su Francesco Schettino; spero che il prossimo sia per comunicare la sua condanna all’ergastolo.

Probabilmente avete notato la pubblicità della Costa nel mio sito; non piace neanche a me, ma non sono io a scegliere la pubblicità; potrei eliminarla, ma in questo modo non riceverei soldi da Altervista, né riceverei altercent, la valuta con cui compro i miglioramenti per il sito.

Altre pagine sulla pena ridicola per Francesco Schettino

Niente pericolo di fuga (la battuta del secolo)

Non ho lasciato la nave (altra battuta)

Francesco Schettino non va in carcere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*