Archivi del mese: febbraio 2016

Onde gravitazionali

Questa volta scrivo un articolo che ha poco a che fare con la politica; forse niente. Questa volta parlerò delle onde gravitazionali, perché questo argomento mi sembra molto importante, di conseguenza ritengo giusto dare visibilità a una scoperta scientifica di questo tipo, attraverso tutti i canali possibili. Se avessi una videocamera decente, farei un filmato da mettere nel mio canale Youtube; lo farò un altro giorno. In un altro articolo ho collegato la politica con la termodinamica; questa volta non ho idea di come collegare la politica con l’astrofisica.

onde gravitazionali
MeteoWeb

Prima di parlare delle onde gravitazionali, vorrei aprire una piccola parentesi sulle onde in generale; non ne parlerò dettagliatamente, perché altrimenti l’articolo diventa troppo lungo.

Le onde sonore si propagano attraverso la materia. Le onde elettromagnetiche si propagano indipendentemente dalla presenza di materia, infatti si propagano anche nel vuoto. Le onde gravitazionali curvano lo spazio.

onde gravitazionali
ilcapoluogo.it

Come è possibile misurare le onde gravitazionali? È molto difficile, perché l’ampiezza dell’onda è molto minore del diametro di un protone, di conseguenza c’è bisogno di strumenti molto precisi. Non so come sono fatti tali strumenti, ma è chiaro che non si comprano in tabaccheria.

onde gravitazionali
Il Fatto Quotidiano

In più, è difficile misurare la velocità delle onde gravitazionali, anche se è stata confermata l’esistenza dei gravitoni. Alcuni fisici dicono che i gravitoni viaggiano alla velocità della luce, mentre altri fisici dicono che i gravitoni sono più veloci dei fotoni. Per chi non lo sapesse, i fotoni sono particelle che trasportano luce, e la luce è un’onda elettromagnetica.

Ci sarebbe da capire se i gravitoni hanno massa; se ce l’hanno, emettono gravitoni a loro volta, come i gluoni che emettono gluoni a loro volta, in quanto hanno carica di colore. Si sa che i gravitoni sono bosoni, così come i fotoni, in quanto hanno spin intero, mentre i fermioni hanno spin semiintero. Tanto per fare un esempio, neutroni, protoni ed elettroni sono fermioni.

Spero di non tediare nessuno con descrizioni così dettagliate sulle particelle. Si vede che studio fisica?

Quale fenomeno ha reso possibile la scoperta delle onde gravitazionali? Due buchi neri si sono scontrati tra loro, formando un unico grande buco nero. La cosa interessante è che il nuovo buco nero ha massa minore della somma delle masse dei vecchi buchi neri. Dove è finita la massa mancante? Probabilmente è stata convertita in energia gravitazionale.

onde gravitazionali
InvestireOggi

L’esistenza delle onde gravitazionali venne ipotizzata da Albert Einstein, ma lo stesso Albert pensava che nessuno avrebbe scoperto tali onde.

onde gravitazionali
Milano Finanza

Probabilmente nel mio sito Internet aprirò una sezione dedicata alle scoperte scientifiche. Avevo già scritto un articolo sulla divulgazione scientifica; forse posso fare di più per la scienza.

Articoli esterni sulle onde gravitazionali

Orgoglio Nerd

Vialattea

Le Scienze Confermata la rilevazione diretta

Scienza per tutti

Il Fatto Quotidiano — Come quando Galileo puntò al cielo il suo cannocchiale

Il Fatto Quotidiano — Sono state sentite

Il Post

Internazionale

Repubblica

 

Rap metropolitano

Anche se in questi giorni ci sarebbero ben altre cose di cui parlare, ho deciso di scrivere un articolo su uno spettacolo di rap metropolitano che ho visto oggi dal vivo.

rap metropolitano
immagine presente nel sito ADN Kronos

Sulla musica in metropolitana ho già scritto un articolo. Devo dire che in generale non mi piace la gente che suona in metropolitana, per il semplice motivo che quella gente non rispetta i gusti musicali di tutti i presenti, ma questa mancanza di rispetto viene fatta anche dall’ATAC, in quanto gli altoparlanti delle stazioni riproducono musica. Tra l’altro, una volta ho segnalato la presenza di suonatori ai soldati, che a loro volta mi hanno detto che non possono fare niente; dicono che il loro lavoro è contrastare il terrorismo, allora resta da capire perché è vietato fotografare. Come è possibile paragonare i fotografi ai terroristi? La gente che fa quel paragone non deve scandalizzarsi quando io paragono i controllori ai mafiosi, altrimenti fa come il bue che dice cornuto all’asino. Devo dire che il problema non è rappresentato dai soldati, bensì da chi li comanda. I soldati dicono di non poter intervenire neanche quando qualcuno butta rifiuti per terra; solo le forze dell’ordine e il personale ATAC possono intervenire. Per quanto riguarda le violazioni del regolamento comunale, neanche poliziotti e carabinieri possono intervenire; solo i vigili urbani possono intervenire, almeno così hanno detto i soldati; questa è la cosa che mi fa rosicare di più quando penso al divieto di fotografare.

Tornando all’argomento di cui volevo parlare, oggi in metropolitana ho visto un gruppo che faceva rap cantando una canzone improvvisata. I componenti del gruppo chiedevano agli altri viaggiatori di suggerire un argomento; qualcuno ha suggerito Bob Marley, allora i cantanti hanno improvvisato una canzone su Bob Marley. Mi sarebbe piaciuto seguire tutto lo spettacolo, ma dovevo scendere. Prima di scendere, ho dato un biglietto da visita ai cantanti, che a loro volta, nella canzone, hanno detto: «Cosa ci dai? Un biglietto da visita?», poi dicono il mio nome per esteso, con una cosa che fa rima, forse «rap metropolitano». Anche se abitualmente non dò una lira ai suonatori in metropolitana, questa volta ho dato una moneta, perché ammiro quel gruppo, a cui auguro un grande successo.

Cosa c’entra la politica con lo spettacolo di rap metropolitano che ho visto oggi? Non lo so, ma sentivo il bisogno di pubblicizzare il gruppo. Un collegamento potrebbe essere che noi viaggiatori possiamo parlare dei nostri problemi, di conseguenza i cantanti potrebbero fare una canzone in merito.

Raccolta differenziata dei rifiuti

Oggi ho ritirato il kit per la nuova raccolta differenziata. Cosa cambia rispetto alla vecchia raccolta differenziata? Alcune cose mi piacciono, mentre altre mi irritano.

Ho notato con molto piacere che ora è possibile raccogliere i rifiuti organici separatamente dai rifiuti di altro tipo, come già si faceva in altre città; non so se si faceva in altri municipi di Roma, ma nel nuovo VII municipio (ex IX e X) non si faceva.

Mi irritano alcune cose che stanno scritte nel libretto di istruzioni. Dicono che nessun materiale deve essere lasciato fuori dai cassonetti; sarei perfettamente d’accordo se non ci fosse un «piccolo» particolare: certe volte i cassonetti sono pieni, di conseguenza è impossibile inserire altri rifiuti. Con che frequenza vengono svuotati i cassonetti?

Cos’altro mi irrita? Per quanto riguarda vetro, plastica e metalli, c’è scritto di svuotare e sciacquare i contenitori. Stiamo scherzando? Noi cittadini possiamo anche svuotare i contenitori, ma perché dobbiamo sciacquarli? Perché non lo fanno gli operatori ecologici? Per cosa paghiamo le tasse sullo smaltimento dei rifiuti? La cosa che mi fa più schifo è che lo stesso contenitore viene usato per vetro, plastica e metalli; non so se ora cambia qualcosa; forse ora il vetro viene separato, ma plastica e metalli restano insieme, almeno secondo un foglietto contenuto nel kit per la raccolta differenziata. Se gli operatori ecologici possono fare la fatica di separare la plastica dai metalli, perché non possono fare la fatica di sciacquare i contenitori?

Un’altra cosa irritante riguarda la raccolta dei farmaci scaduti. Viene consigliato di eliminare le scatole e i foglietti illustrativi prima di inserire i farmaci nel contenitore; spero che almeno non venga imposto. In ogni caso, non capisco dove sta scritto che gli operatori ecologici non possono fare questa fatica al posto dei cittadini.

So che a Roma si producono tanti rifiuti. Abitando a Roma, vedo che certe strade sono piene di rifiuti, e non solo le strade; anche prati e giardini. Secondo me, i vigili dovrebbero multare chi lascia i rifiuti per terra, salvo estrema necessità. I vigili potrebbero chiudere un occhio se i rifiuti vengono lasciati vicino ai cassonetti, ma non se vengono lasciati in un prato o in un giardino. Tra l’altro, mi fa schifo la gente che va in giro con il cane e poi non raccoglie le cacate. Per come la vedo io, quella gente dovrebbe essere multata pesantemente.

Tornando al problema della produzione di rifiuti, secondo me sarebbe utile vendere tante cose sfuse, in modo da incentivare i clienti a portare da casa il proprio contenitore; questo sì che incentiverebbe a lavare i contenitori dopo l’uso. Per esempio, se il succo di limone finisce, potrei portare il contenitore al negozio, che a sua volta mi venderebbe altro succo di limone e lo metterebbe direttamente nel contenitore; la stessa cosa si potrebbe fare per saponi, dentifrici, eccetera.

Per quanto riguarda i cassonetti, mi piacerebbe sapere perché non mettono pozzi come quelli che ho visto in alcune città spagnole. Tali pozzi non si riempirebbero, in quanto al piano di sotto ci sarebbe sempre qualcuno che controlla la quantità di rifiuti e porta via i rifiuti prima che venga raggiunto un livello troppo alto. Capisco che a Roma è difficile scavare, in quanto ci sono resti antichi, ma forse non tutti i quartieri sono così.

pozzi per la raccolta differenziata dei rifiuti a Gran Canaria
pozzi per la raccolta differenziata dei rifiuti a Gran Canaria

 

Terzo segreto di Satira

Il Terzo Segreto di Satira è un gruppo di attori che fanno filmati satirici. Tali filmati si trovano facilmente su Youtube, e anche in altri siti Internet.

Terzo segreto di Satira
immagine presente nel blog del gruppo

Ho conosciuto il Terzo Segreto di Satira ultimamente; non ricordo cosa stavo cercando né qual è il primo filmato che ho visto di tale gruppo.

Terzo segreto di Satira
protagonisti di un episodio

Alcuni filmati fanno satira sugli elettori del PD, di Forza Italia e del Movimento 5 Stelle. Altri filmati parlano del razzismo italiano e della crisi dell’economia italiana.

C’è anche un filmato sulla prostituzione, su cui mi piacerebbe scrivere un articolo nei prossimi giorni. Per ora posso dire che sono a favore della legalizzazione delle case di tolleranza.

Per ora ho visto pochi filmati del Terzo Segreto di Satira, ma nei prossimi giorni vorrei aprire una sezione dedicata a tale gruppo. Tra l’altro, dovrei aggiornare la sezione satirica del mio sito; è da tanto che non la aggiorno.

Speravo di scrivere di più, ma per ora ho poco da dire, anche se non escludo di aggiornare questo articolo.