Archivi del mese: agosto 2015

Limiti di velocità

Non ho niente contro i limiti di velocità sulle strade, ma ho obiezioni sul modo in cui vengono fatti i controlli in certi comuni italiani.

limiti di velocità in Italia
limiti di velocità in Italia

Per come la vedo io, è giusto che ci siano i controlli, e mi sembra giusto che esistano strumenti elettronici che controllano la velocità dei veicoli, ma certe volte si verificano abusi di tali strumenti di controllo.

Si può multare un veicolo che va a 52 km/h quando il limite massimo è 50 km/h? Non so se la legge italiana lo consente, ma la mia morale lo vieta. La mia fortuna è che non lavoro in nessun corpo di pubblica sicurezza, altrimenti dovrei fare troppe cose contro la mia morale, e con questo non voglio dire niente contro gli agenti di pubblica sicurezza, che fanno tutto il possibile per rendere sicuro il nostro paese.

Cosa ho da dire sulla violazione del limite di velocità di cui sopra? A questa domanda risponderò con due domande:

1Quanto fa 52-50?

2Quando fa 52/50?

Alla prima domanda è facile rispondere. Per quanto riguarda la seconda domanda, ho fatto il calcolo a mano e ho trovato il seguente risultato: 1,04; tale risultato viene confermato dalla mia calcolatrice.

Studiando fisica, so che gli strumenti di misura fanno errori, non perché siano fatti male, ma perché la perfezione non esiste.

Possibile che uno strumento rileva una differenza di 2 km/h e un rapporto di 1,04?

Chi ci dice che il veicolo incriminato andava a 52 km/h? Forse andava a 49 km/h; non possiamo sapere con certezza se violava il limite di velocità.

Per rispettare la privacy di chi guidava, non dirò il nome del conducente né dell’automobile, e non dirò neanche dove si è verificato il fatto.

Secondo me, i comuni si approfittano del fatto che tanta gente preferisce pagare piuttosto che fare ricorso. Non so se fare ricorso ha un costo, ma sicuramente implica passaggi burocratici tutt’altro che trascurabili.

Pagine esterne sui limiti di velocità e su come fare ricorso

Autovelox.net

Altalex

ADUC

Contestare le multe autovelox

Il Resto del Carlino

Pagina della Polizia di Stato con indicazioni su dove viene fatto il controllo della velocità

Pagina di Autostrade per l’Italia con indicazioni sulle strade soggette a controllo elettronico della velocità

Eutanasia e testamento biologico

Il quarto episodio di «Life is strange» mi porta a parlare di eutanasia e testamento biologico.

eutanasia legale
immagine presa da un sito per la legalizzazione dell’eutanasia

Se ancora non avete giocato al quarto episodio di «Life is strange», vi consiglio di rinviare la lettura di questo articolo, in modo da evitare che la sorpresa venga rovinata.

Questa è almeno la seconda volta che parlo di «Life is strange» in questo blog; la prima volta avevo citato il secondo episodio, parlando del suicidio.

Nella linea temporale alternativa, Chloe è rimasta paralizzata per un incidente; non può muovere le gambe né le braccia, allora chiede l’eutanasia; la sua amica Max può scegliere se accettare o rifiutare la richiesta. Io ho accettato la richiesta di Chloe; è stato difficile, ma chiederei la stessa cosa se mi trovassi in quella situazione.

In «Life is strange», Chloe chiede l’eutanasia attiva, cioè, la somministrazione di sostanze letali, una pratica vietata in vari Stati, tra cui l’Italia. L’eutanasia passiva è la sospensione di cure che allungano la vita, spesso ritardando un’inevitabile morte dolorosa e costringendo il paziente a una «vita» tutt’altro che dignitosa.

A questo punto, mi sembra giusto parlare delle leggi sull’eutanasia nei vari Stati.

Eutanasia in Europa
Eutanasia in Europa

Le leggi italiane sono ambigue. Non è chiaro se è legale l’eutanasia passiva, ma l’eutanasia attiva viene considerata omicidio di persona consenziente, punibile con pene da 6 a 15 anni di reclusione. Il suicidio assistito viene considerato istigazione al suicidio, punibile con pene da 5 a 12 anni di reclusione. Altri Stati d’Europa sono più permissivi in merito, ma non tutti.

Se vengo eletto al parlamento italiano, proporrò di introdurre l’eutanasia e il suicidio assistito come cause di non punibilità, esattamente come la legittima difesa e lo stato di necessità.

In Italia ci sono associazioni che fanno campagna per la legalizzazione dell’eutanasia. In più, esistono associazioni che danno la possibilità di depositare il proprio testamento biologico, ma non è chiaro se tale testamento ha valore legale. È chiaro che il testamento biologico non può autorizzare l’eutanasia attiva, almeno in Italia, ma chi ha i soldi può andare all’estero per smettere di soffrire; questo è uno dei motivi per cui sostengo il reddito minimo garantito.



Pagine esterne su eutanasia e testamento biologico

Articolo di Wikipedia sull’eutanasia

Articolo di Wikipedia sul suicidio assistito

Articolo di Wikipedia sul testamento biologico

Giuramento di Ippocrate

L’Unità Persa speranza

Associazione Luca Coscioni

Pagina in cui è possibile compilare il testamento biologico

Petizione per la legalizzazione dell’eutanasia

Recensione sul quarto episodio di «Life is strange»

Bollino SIAE obbligatorio

Dopo l’articolo su Patamù, ho fatto ulteriori ricerche sulla SIAE, scoprendo altri affari sporchi. Sapete che tutte le opere vendute in Italia hanno l’obbligo del bollino SIAE? È vero che gli autori e gli editori non hanno l’obbligo di iscriversi alla SIAE per vedere tutelate le proprie opere, ma il bollino SIAE è obbligatorio indipendentemente dall’iscrizione, anche se costa meno per i non iscritti; questo spiega perché troviamo il bollino SIAE sui dischi di Linux. Cos’è Linux? È un sistema operativo, ma di questo parlerò dettagliatamente in un altro articolo. Per quello che so, Linux viene fatto da volontari, non da grandi case con scopo di lucro; questo dovrebbe far capire perché mi schifa l’obbligo del bollino SIAE sui dischi di Linux. In più, mi risulta che il bollino è obbligatorio anche per le copie omaggio, anche se il prezzo del bollino è minore per tali copie.

bollino SIAE per copia omaggio
immagine presa da Alchimia Treviso

Di chi è la SIAE? Non mi è chiaro, però mi risulta che è privata. Perché una società privata deve avere il monopolio sui bollini? È come le società private che producono soldi, o come la RAI che pretende il pizzo chiamato canone. Questa situazione mi schifa altamente.

Tra l’altro, ho visto quanto costa l’iscrizione alla SIAE; non costa miliardi e neanche miglialia di euro all’anno, ma comunque sono soldi che un disoccupato non spende alla leggera. I giovani vengono avvantaggiati con l’iscrizione gratuita, come dicevo nell’articolo precedente, ma i disoccupati no, e neanche i lavoratori con reddito scarso. In più, se io fossi iscritto alla SIAE, dovrei pagare la SIAE per recitare pubblicamente le MIE poesie, e di quei soldi mi tornerebbe indietro una piccola parte, mentre agli artisti famosi tornerebbe indietro molto, perché le loro opere venderebbero di più. È evidente che la SIAE avvantaggia gli artisti famosi a scapito di quelli emergenti.

immagine presa da Horizons Music
immagine presa da Horizons Music

Volevo parlare del bollino SIAE, poi ho parlato di altri affari sporchi della stessa società; una mafia legalizzata, come dicono altri siti che ho trovato in Internet.

Tornando al discorso sull’obbligo del bollino, ho saputo che le forze dell’ordine sequestrano i dischi senza bollino; qualcuno dirà che bisogna rispettare la legge; il problema è che l’Unione Europea si è schierata contro l’obbligo del bollino. I ministri d’Italia rispettano le direttive europee solo per i propri comodi? Tra l’altro, mi risulta che alcuni tribunali italiani hanno emesso sentenze che esonerano le copie private dall’obbligo del bollino; questo significa che io posso fare una copia di un mio disco per uso personale, e posso anche fare un disco che raccoglie canzoni contenute in altri dischi che io possiedo legalmente. Prima di tale sentenza, ci sono stati sequestri di copie private di dischi.

Un problema italiano è che i dischi costano tanto, probabilmente grazie alla SIAE, ma di questo parlerò in un altro articolo.

Pagine esterne sul bollino SIAE

Ente pubblico o associazione privata?

Illegittimi 9 anni di pagamenti

DJ italiani stritolati

Bocciatura dei bollini SIAE

Quella mafia della SIAE

Lo scandalo SIAE

SIAE: se la conosci la eviti

Patamù Tutto quello che avreste voluto sapere sul bollino SIAE e che non avete mai osato chiedere

CD Star Domande frequenti sul bollino SIAE

Specchio Magico

My CD — Moduli SIAE

Normative su bollini SIAE ed equo compenso

Unione Europea per la liberalizzazione

Discussione su Yahoo Risposte

Articolo satirico di Nonciclopedia sulla SIAE

Patamù contro SIAE

Patamù è un sito che permette di tutelare dal plagio le opere di ingegno attraverso la marcatura temporale. (fonte: Donostia)

Ho conosciuto Patamù ieri (I agosto 2015), grazie a un articolo sulla registrazione dei diritti d’autore. Prima di lèggere quell’articolo, pensavo che fosse necessario registrare le opere d’arte nel sito della SIAE; ora so che non è così.

La legge italiana tutela i diritti d’autore indipendentemente dalla registrazione delle opere; la registrazione serve solo come prova. In più, ieri ho saputo che esistono ottime alternative alla SIAE, tra cui Patamù, che tra l’altro consente di depositare le opere d’arte a prezzi molto inferiori.

Facendo una ricerca in Internet, ho visto che la SIAE è un ufficio complicazione cose semplici, mentre Patamù cerca di semplificare il deposito di opere d’arte. In più, per ogni opera è possibile specificare quali diritti sono riservati. Io sono per la condivisione gratuita e per la possibilità di creare opere derivate, a condizione che l’opera venga attribuita a me e che le opere derivate vengano pubblicate con la stessa licenza, cioè, niente lucro per chi pubblica le mie opere o crea opere derivate; io faccio così, ma altri possono concedere più o meno diritti; in più, non escludo di riservarmi tutti i diritti per eventuali opere future.

Licenza Creative Commons con cui ho registrato alcune opere su Patamù
Attribuzione
Non commerciale
Condividere nello stesso modo

Avete letto le mie poesie? Alcuni miei conoscenti mi hanno consigliato di registrarle alla SIAE, per evitare che vengano copiate, con guadagno per i copiatori e senza guadagno per me. Sentendo questo consiglio, ho fatto una ricerca in Internet, e ho visto che l’iscrizione alla SIAE è troppo costosa. Facendo ulteriori ricerche, ho conosciuto Patamù. Devo ringraziare Adriano Bonforti e Andrea Caovini. Adriano Bonforti ha fondato Patamù, mentre Andrea Caovini ha scritto l’articolo che ho citato precedentemente.

Tra l’altro, leggendo il sito della SIAE, ho notato che i minori di 30 anni possono iscriversi gratuitamente. Perché tengono conto dell’età e non del reddito? Lo capirei se in Italia ci fosse il reddito minimo garantito.

Per ora penso di aver detto le cose più importanti. Ora collego pagine esterne su Patamù, SIAE, eccetera.

Arturo di Corinto Come gli artisti italiani possono proteggere le loro idee

Wired — Patamù protegge la tua creatività online

Articolo di Fabrizio Mondo

Articolo di Matteo Pavanello

Articolo di Simone Aliprandi

Discussione su Musimac

Circuiti Organizzati Resistenze Editoriali

Ferrara Italia — C’è chi dice no

Simone Aliprandi — Si può fare a meno della SIAE e usare servizi alternativi?

Sito ufficiale di Patamù

Sito ufficiale della SIAE

Sito ufficiale della Creative Commons

Differenze tra le licenze di copia in una pagina colombiana di Creative Commons

Intervista ad Adriano Bonforti

Petizione di Adriano Bonforti

Legge sul diritto d’autore

Christian Rosso (autista dell’ATAC)

Christian Rosso è un autista dell’ATAC; guida gli autobus di Roma, o almeno li guidava prima della sospensione.

Christian Rosso
Christian Rosso (immagine presa da Giornalettismo)

Perché scrivo un articolo su Christian Rosso? In parte ne ho parlato nell’articolo precedente, in cui spiegavo perché certi autobus di Roma non passano.

Se usufruite del trasporto pubblico di Roma, saprete che Roma ha un trasporto pubblico da terzo mondo, come ho già spiegato in altri articoli.

Cosa ha fatto Christian Rosso? Ha spiegato la situazione del trasporto pubblico in un filmato, che poi ha pubblicato in Internet; per questo motivo ha ricevuto la sospensione. Si direbbe che il codice etico dell’ATAC vieta ai dipendenti di dire la verità. Perché i dirigenti non migliorano il servizio invece di vietare ai dipendenti di spiegare la situazione ai viaggiatori?

Per come la vedo io, Christian Rosso ha fatto la cosa migliore che poteva fare; tutti i dipendenti dovrebbero fare così, ma voglio spiegare cosa ha spinto Christian a fare quel filmato. Christian Rosso aveva chiesto un giorno libero; quel giorno libero gli è stato negato, allora lui è andato al lavoro, ma non c’erano autobus funzionanti; gli autobus presenti erano guasti, pertanto Christian non ha potuto lavorare; per lui è stato come ricevere due pugnalate. La colpa non è neanche dei meccanici; loro fanno il possibile, ma certe volte manca il materiale necessario per le riparazioni. In un articolo precedente ho attaccato i meccanici, ma si direbbe che il problema è rappresentato dai dirigenti; probabilmente loro obbligano i meccanici a mandare in giro tutti gli autobus in grado di viaggiare, anche se sono guasti.

Un problema dell’ATAC è la scarsità di autisti; gli autisti sono meno di metà del totale del personale della società, diversamente da come ci si aspetta da un’impresa di trasporto pubblico. Tanti autisti hanno ferie arretrate.

Resta da capire se i dirigenti dell’ATAC fanno porcate di loro iniziativa o se invece dipende dal comune di Roma. Forse il comune di Roma riduce i finanziamenti, così i viaggiatori si incazzano e il comune ha una scusa per privatizzare la società. Quando la società viene privatizzata, alcune linee miglioreranno, mentre altre verranno soppresse per scarsità di viaggiatori. Questa è la seconda strategia della manipolazione secondo Noam Chomsky: creare un problema e offrire una soluzione. I privati pensano al profitto, mentre il comune almeno in teoria dovrebbe pensare all’interesse collettivo. Chi ha interesse a privatizzare l’ATAC? Gli assessori e i consiglieri hanno amici interessati a comprare la società di trasporto pubblico di Roma? A Roma già è presente una società privata di trasporto pubblico: la Roma TPL, che gestisce alcune linee di autobus di Roma. Gli autobus della Roma TPL sono puliti ed efficienti, ma percorrono le linee più frequentate, proprio perché i privati cercano il profitto. Se i privati si appropriano di tutte le linee di Roma, sarà un grosso problema per la gente; un po’ per i viaggiatori, un po’ per gli autisti, che devono fare turni massacranti per pochi soldi.

Mi è piaciuta molto la manifestazione che c’è stata a Roma il 29 luglio per Christian Rosso; io avrei partecipato con molto piacere, ma avevo altre cose da fare. Tra l’altro, ho notato con piacere che in alcune reti sociali ci sono gruppi che sostengono Christian Rosso.

Manifestazione in onore di Christian Rosso
Manifestazione in onore di Christian Rosso (immagine presa da Roma Capitale News)

Approfitto di questo articolo per parlare dell’incidente del 10 luglio 2015 nella stazione Furio Camillo. Probabilmente anche quell’incidente è dovuto alla scarsità di finanziamenti da parte del comune di Roma.

A Furio Camillo, un bambino è morto cadendo nella tromba di un ascensore. Spero che il comune di Roma abbia pagato tutti i danni, ma spero anche che qualcuno finisca in galera per questo incidente, soprattutto i dirigenti dell’ATAC, e possibilmente anche il sindaco di Roma e altri assessori responsabili della scarsità di finanziamenti al trasporto pubblico.

Aggiornamento del 4 agosto 2015

Ho scritto un articolo su Christian Rosso nel mio blog venezuelano, affinché tutti, in Italia e fuori, conoscano la situazione scandalosa del trasporto pubblico di Roma. Tra l’altro, ho collegato la pagina per fare donazioni a Christian Rosso attraverso Paypal.

Pagine esterne su Christian Rosso e sull’incidente alla stazione Furio Camillo

Christian Rosso

Byoblu — #IoStoConChristianRosso

Roma Today — Sospeso l’autista

Roma Today — L’assessore Esposito incontra Christian Rosso

Huffington Post — In Campidoglio proteste e solidarietà

Repubblica — Non ho commesso un crimine da ergastolo

Repubblica — Christian Rosso pubblica un filmato

Fanpage

Furio Camillo

Il Fatto Quotidiano — Errore umano

Giornalettismo — Ricostruzione dell’incidente

ANSA — Roma si ferma per Marco

Repubblica Tre indagati per omicidio colposo

Il Messaggero — Lutto cittadino per il 13 luglio

Leggo — Ascensore bloccato

Sussidiario

Il Secolo XIX

RAI News